15 Agosto 1962 il debutto di SPIDERMAN

Il numero 15 di Amazing Fantasy nel 1962, porta con se il debutto di Spiderman.

Sul numero 15 di Amazing Fantasy, storica serie antologica dei fumetti firmati Marvel Comics, compare per la prima volta l'Uomo ragno, ideato da Stan Lee (testi) e Steve Ditko (disegni).

Protagonista del fumetto è Peter Parker, studente timido preso in giro dai compagni per i suoi modi impacciati, che nel corso di una dimostrazione scientifica sull'energia nucleare e sulla radioattività finisce vittima di un piccolo incidente che gli cambia la vita. Un ragno investito dalle radiazioni gli morde la mano prima di morire.

Gradualmente Peter prende coscienza dei poteri straordinari che quel morso gli ha trasmesso, rendendolo simile a un ragno: dalla capacità di aderire alle pareti a una spiccata percezione del pericolo, che esaltano alcune sue invenzioni come il costume e i bracciali che sparano le ragnatele.

Ciò che lo rende subito simpatico ai lettori adolescenti, è il suo affrontare nemici e gravi minacce con la stessa spontaneità e ironia con cui affronta i problemi della vita quotidiana, come la malattia della zia, le pene d'amore e l'influenza. Il successo è rapido, tant'è che la seconda avventura viene pubblicata su una rivista che porta il suo nome, Amazing Spider-Man.

Sulla nascita del personaggio c'è una versione ufficiale che vede Stan Lee intento, nel suo studio, a immaginare un nuovo supereroe da proporre alla Marvel e rimanere colpito da un ragno sulla parete, che gli fa tornare ala mente The Spider, Master of Men, eroe pulp degli anni Trenta.

In realtà, pare che il personaggio sia nato da una lunga gestazione che l'ha visto assumere inizialmente il nome di Silver Spider, preferito inizialmente alla variante con "man", che richiamava troppo i predecessori Superman e Batman. Annoverato al terzo posto nella classifica dei 200 migliori personaggi di fumetti di sempre (stilata da Wizard Magazine) - proprio dietro i due supereroi di Metropolis e Gotham City - Spiderman ispirerà serie televisive, cartoni, film e videogiochi di successo.

Rate this blog entry:

Related Posts